#fikaconsiglia: Killing Eve

di Costanza Demaestri

Sorry Baby

“Killing eve” è una dark comedy con elementi di thriller psicologico trasmessa dal 2018 da BBC America basata sui romanzi di Luke Jeggins che annovera tra i suoi ideatori Phoebe Waller Bridge, Flaebag dell’omonima serie tv.

Questo gioiello seriale vede come protagoniste due donne apparentemente diverse ma dotate di personalità molte forti: Eve Polastri, una brillante ma annoiata impiegata dell’MI5 desiderosa di partecipare al lavoro sul campo e Villanelle, un’imprevedibile, volubile serial killer, amante del lusso e dallo stile unico, a volte teatrale, che lavora per una misteriosa organizzazione. Le loro strade si incrociano quando ad Eve viene affidata il compito di trovare Villanelle.

Da ogni puntata emergono l’attrazione e la profonda ossessione che provano l’una nei confronti dell’altra, e che diventeranno sempre più forti.
Vengono analizzate molto bene le personalità delle due protagoniste.
Villanelle è una psicopatica, bugiarda patologica, priva di empatia e di paura, amorale, spietata, poliglotta, ma anche giocosa e dotata di un macabro senso dell’umorismo.

Adora il suo lavoro (uccidere) e ogni volta vuole rendere l’omicidio particolare per evitare la noia e per attirare l’attenzione. È interessante il rapporto che la ragazza instaura con il suo “supervisore” Konstantin, l’unico che sembra conoscerla davvero. Non si può parlare di Villanelle senza menzionare i suoi abiti, alcuni memorabili come quello di tulle rosa o il pigiama coi fumetti.

Eve, al contrario, è sposata con un insegnate ma si sente soffocata dalla routine quotidiana; indagando su Villanelle e l’organizzazione per cui lavora riesce ad uscire dalla sua vita normale ma questo la cambierà.

Killing Eve” ha conquistato molti spettatori grazie a una sceneggiatura brillante, dialoghi avvincenti, alle ambientazioni (vediamo molte città europee nel corso della serie) e soprattutto grazie al rapporto ambiguo, per niente semplice da definire, che si crea tra le due.

Da sottolineare le incredibili interpretazioni di Sandra OH e Jodie Comer, che mette in mostra la sua grande capacità di riprodurre accenti delle varie lingue.

Personalmente ho adorato le due stagioni trasmesse fino a questo momento per la trama, per le incredibili interpretazioni delle attrici e per l’originale mix di thriller psicologico e commedia.
In definitiva, guardatela!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...