#01×00 – Fikabrod

Fika - Puntata Zero

Io sono Veronica, 25 anni vissuti nel folle desiderio di procurarmi cibo grazie a ciò che scrivo. Mi nutro di storie in ogni formato. Femminista, romantica, mai abbastanza cinica da credere che il mondo possa crescere se non parto da me.

Mi chiamo Giulia e preparo torte per sentirmi meglio e per aggiungere un poco di bellezza. Trovo ci sia qualcosa di terapeutico nel mischiare farina, uova, zucchero e burro. In quel miscuglio riesco a trovare il mio centro.

E io, invece, sono Camilla e sono circa ventiquattro anni che sono convinta di essere nata nel luogo e nel tempo sbagliati. La mia più grande passione è la musica, se non contiamo la mia ossessione verso tutto ciò che è britannico. Amo la storia e le storie e credo profondamente nell’effetto terapeutico di una serata passata sotto il piumone a guardare serie tv.

Ci siamo conosciute all’università, ormai troppi anni fa per ricordarlo o per volerlo condividere con voi. Tra banchi polverosi di lezioni polverose ci siamo volute bene più o meno da subito, tra una colazione e l’altra poi, siamo diventate inseparabili.

Siamo arrivate subito alla soglia degli ottanta anni perché abbiamo deciso di creare, qualche mese fa, un book club. Book club così di successo che è già in pausa dopo due libri perché qualcuno (GIULIA) non ha finito di leggere il secondo e stiamo ancora attendendo.

Ma ora vi spieghiamo che cos’è la Fika.

Fika è una tradizione quotidiana in Svezia, che costituisce un’istituzione sociale in cui si beve un caffè, solitamente accompagnato da un dolce, insieme ai colleghi di lavoro durante una pausa oppure con gli amici o la famiglia.

Abbiamo deciso di unire bevande e libri per creare un caffè letterario On Air.

Il punto di partenza di ogni puntata sarà un libro e il tema principale che racconta – tranquilli, no spoiler; Controlleremo noi con un ampio lavoro di editing, perchè Giulia è famosa per gli spoiler – e da lì ci sposteremo sulla vita vera.

Riflessioni, esperienze nostre e non, curiosità…insomma, tutto quello che le storie hanno da insegnarci.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...